Come siamo arrivati a questo progetto? Come e cosa abbiamo fatto? Queste sono le domande principali che possono venire in mente ad una persona esterna che vedendo i nostri lavori non capisce quello che ci sta dietro veramente. Bene allora direi di iniziare dicendo che tutto questo progetto sul cambiamento climatico è iniziato almeno tre mesi fa durante l’ora di tecnologia, infatti durante le ore di bilinguismo abbiamo iniziato a dedicarci alle energie non rinnovabili che sono la causa principale al cambiamento climatico (insieme alla nostra irresponsabilità nell’utilizzo di esse). In questo argomento abbiamo spaziato iniziando a capire veramente quello che sta succedendo senza prenderlo troppo alla leggera, come spesso si fa, infatti il cambiamento climatico è un problema che mi sta anche molto a cuore, perché penso che in tutto questo l’uomo ha contribuito molto negativamente in parte fregandosene di quanto gli esperti, gli ambientalisti e la stessa natura dicesse. Infatti, a mio parere, è importante che si affronti questo argomento così attuale che sicuramente influenzerà il futuro di noi ragazzi, ma soprattutto l’importanza del conoscere quanto accade ci rende dei cittadini più responsabili su quanto può succedere in futuro e saper sempre che gran parte della colpa è di noi umani e delle nostre scelte basate solo sul mantenimento dell’economia; che però se ci pensate non può andare avanti se non c’è più la Terra. A questo punto cambiamo radicalmente materia ed arriviamo ad arte, sempre nelle ore di bilinguismo la prof ci ha presentato diversi tipi di slogan e ci ha insegnato anche ad analizzarli (es. target a cui la pubblicità è indirizzata, punti a sfavore, possibili concorrenti, perché si dovrebbe scegliere questa marca piuttosto che un’altra, etc.…). Dopo ciò le prof hanno deciso di assegnarci un compito molto personale: ognuno di noi  avrebbe dovuto realizzare a computer un poster contro il cambiamento climatico con in aggiunta uno slogan creato da noi, sempre ricollegabile al cambiamento climatico, ovviamente in inglese. Questo progetto, è stata un’esperienza molto bella, perché ho avuto mano libera sulla realizzazione di quello che volevo senza limiti di espressione. Inoltre, è stato molto interessante ed anche in parte complicato realizzare tutto ciò, parlando da inesperta di computer, posso dire che è stato abbastanza difficile la vera e propria realizzazione a computer, ma credo che sia stato più che altro una sfida. Sicuramente, sì, sarebbe stato in parte più facile realizzare il lavoro a mano ma avendocelo assegnato a computer è come se le prof ci avessero lanciato una sfida, che noi abbiamo accolto. Ed è così che siamo arrivati a create tutti i nostri poster sul cambiamento climatico che potete ammirare. (Ginevra, Classe 3 A Scuola Secondaria di I grado).

Like
3